fbpx

La scorsa primavera era stato siglato un documento tra la Regione siciliana e i sindacati che prevedeva proprio l’attivazione di controlli mirati delle Asp per verificare il rispetto delle regole fissate. Un allarme giustificato dai troppi focolai registrati. E quel documento è stato aggiornato. L’Asp agrigentina, in applicazione della circolare dell’assessore regionale alla Salute, intensifica i controlli in tutte le case famiglia e di riposo del territorio. Controlli mirati ad assicurare condizioni assistenziali anche alle strutture residenziali che non sono di diretta competenza dell’Asp. E’ quanto messo in atto dal commissario straordinario Mario Zappia per contrastare l’epidemia da covid-19. Quadro epidemiologico che nell’ultimo periodo ha registrato un significativo incremento del numero di soggetti positivi, sia asintomatici, che paucisintomatici e sintomatici con necessità di ricovero. L’ azienda sanitaria provinciale sta attivando dei teams – composti da medici anche inm pensione e infermieri – appositamente dedicati.

L’Asp ha disposto di programmare una campagna di screening e un’attività di verifica tramite sopralluoghi straordinari in tutte le case famiglia, le case di riposo e comunque in tutte le strutture che insistono sul territorio aziendale in modalità congiunta dei medici del Distretto sanitario e del Dipartimento di prevenzione del comune dove insiste la struttura.