fbpx

Il vescovo coadiutore dell’Arcidiocesi di Agrigento Alessandro Damiano, considerato l’incremento dei contagi da Coronavirus ha invitato i presbiteri a fare massima attenzione sulle misure di contenimento della pandemia. Ai presbiteri, ma anche a tutti i fedeli che prendono parte alle celebrazioni ha raccomandato la massima attenzione nell’osservanza delle norme vincenti.  Mons. Damiano chiede di vigilare in particolare: sul numero massimo dei posti consentiti in base alla capienza della chiesa, per il rispetto del distanziamento di almeno un metro; sulle operazioni di ingresso e uscita dalla chiesa e sugli spostamenti dal proprio posto durante la celebrazione. Il vescovo coadiutore invita a sanificare gli ambienti, i banchi e la suppellettile sacra , di areare i luoghi, almeno prima e dopo le celebrazioni. Non manca l’invito a vigilare sul corretto uso della mascherina (sul naso e sulla bocca) durante l’intero periodo di permanenza in chiesa;sull’igienizzazione delle mani quando si entra in chiesa e prima di accostarsi alla Comunione. “Il celebrante abbia cura- continua mons. Damiano- di distribuire la Comunione esclusivamente sulla mano.” Le esequie delle vittime di Coronavirus sono consentite, previa autorizzazione delle competenti autorità comunali. Qualora non fossero autorizzate o nel caso in cui la famiglia lo richiedesse espressamente, si può benedire la salma direttamente al cimitero, senza la celebrazione della Messa.