fbpx


A seguito della mancata esecuzione di una pronuncia resa nell’anno 2004 dal TAR Lazio, il Ministero dell’Istruzione è stato nuovamente condannato dal medesimo Tribunale Amministrativo ad ottemperare alla sentenza, mai eseguita. La vicenda riguarda il ricorso presentato da un insegnante agrigentino, C.C., che non aveva ottenuto il pagamento dell’indennità integrativa speciale sui compensi percepiti, avendo svolto in passato attività di insegnamento per ore eccedenti. Il TAR del Lazio, con sentenza emessa nel 2004, aveva dichiarato il diritto al computo dell’Indennità Integrativa Speciale sui compensi percepiti per le ore eccedenti prestate. Sentenza non ottemperata dal Ministero dell’istruzione, e il docente ricorrente, assistito dall’Avv. Alberto Cutaia, si è nuovamente rivolto al TAR Lazio, al fine di ottenere l’esecuzione del giudicato nei suoi confronti. Il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, ha accolto il ricorso ed ha condannato il Ministero dell’Istruzione. Decorsi 60 giorni dalla notifica, un Commissario ad Acta, già nominato dal TAR Lazio, provvederà in via sostitutiva ad adottare il provvedimento di liquidazione delle somme in favore del docente.