Agrigento Attualità Cronaca

Demolizione fabbricato ferroviario ad Agrigento Bassa

Demolizione fabbricato ferroviario ad Agrigento Bassa
Rate this post

Rete Ferroviaria Italiana, azienda a partecipazione pubblica che ha in concessione dal Ministero ai Trasporti l’infrastruttura e tutte le aree ferroviarie funzionali all’esercizio commerciale, ha provveduto alla demolizione di un fabbricato pericolante attiguo alla stazione di Agrigento Bassa. Le opere sono state richieste e sollecitate dagli agenti della Polizia Ferroviaria di Agrigento, diretti dall’ispettore Angelo Messina, che da mesi monitoravano il fabbricato   abusivamente occupato da alcune famiglie di etnia rom. La Polfer, in particolare, ha  chiesto ad RFI l’immediata messa in sicurezza dell’area perchè l’edificio, risalente alla prima metà del secolo scorso, versava in precarie condizioni statiche. Negli ultimi mesi un vistoso cedimento della parte frontale ha, inoltre, acuito ulteriormente il rischio crollo mettendo a repentaglio l’incolumità degli stessi abusivi. Il fabbricato pare fosse in uso, in regime di concessione, al genio civile di Agrigento, che lo avrebbe utilizzato anni addietro come archivio e deposito. Accertata l’effettiva titolarità dell’area, l’Unità Territoriale di Caltanissetta di Rete Ferroviaria Italiana si è messa subito in moto per avviare le procedure di demolizione del fatiscente fabbricato. Prima dell’inizio dei lavori, alcuni rom sono riusciti a penetrare all’interno dell’edificio per prelevare materassi ed altri oggetti personali. Da quanto riferito dagli stessi agenti della Polizia Ferroviaria, che per mesi hanno tentato di sgomberare gli abusivi, le condizioni igienico sanitarie all’interno della struttura erano assolutamente precarie.