Demolizioni stabili abusivi, ditta di Roma verso doppia aggiudicazione

Il Comune di Licata ha effettuato ieri una nuova immissione in possesso di uno stabile, di circa 200 metri quadrati, in via Soldato Termine. La ditta Patriarca che, dal dicembre del 2015, si sta occupando delle demolizioni degli immobili abusivi raderà al suolo anche questo immobile. E sarà il settantacinquesimo. Concluso il cantiere di via Maresciallo Paraninfo e demolito questo caseggiato in via Soldato Termini si concluderà il lavoro dell’impresa Patriarca di Comiso.

Ma le demolizioni non si fermeranno perché nel frattempo si stanno ultimando le operazioni di gara per l’aggiudicazione del nuovo appalto che in settimana sarà definito. Ieri è scaduto il termine per la presentazione delle giustificazioni da parte dell’impresa che ha presentato il maggior ribasso, cioè il consorzio stabile «Conpat» di Roma. Il raggruppamento di imprese, che ha sede nella Capitale, sta infatti per aggiudicarsi – secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia – non solo la gara per le demolizioni di immobili abusivi a Licata ma anche quella bandita dal Comune di Palma di Montechiaro che si celebrano presso la stazione unica appaltante dell’ex Provincia regionale di Agrigento.