Deposito cauzionale su fatture idriche, intervento del Codacons

Il presidente e il vice presidente di Codacons Agrigento, Pier Luigi Cappello e Alessandro Patti, si sono rivolti a Girgenti Acque, Comune di Agrigento e Ato idrico nel merito del deposito cauzionale, ossia un anticipo sulle somme da pagare, applicato sulle bollette idriche. Cappello e Patti affermano : “Tanti utenti, come già spiegato più volte, hanno versato il deposito cauzionale al Comune. Il Comune non ha trasferito le somme a Girgenti Acque. L’ Ato idrico ha invitato Girgenti Acque a soprassedere sulla richiesta di pagamento del deposito cauzionale, in ragione della ingarbugliata questione. Girgenti Acque ha invece recapitato le fatture con scadenza 31 maggio con la richiesta del deposito cauzionale”. Il presidente ed il vice presidente di Codacons Agrigento, Pier Luigi Cappello e Alessandro Patti, dunque, invitano Girgenti Acque a recedere dalla pretesa di pagamento di ulteriori importi a titolo di deposito cauzionale nelle more che si accerti esattamente la platea dei soggetti tenuti a versare il deposito. Cappello e Patti aggiungono: “Sollecitiamo le parti in causa ad instaurare un tavolo di confronto affinchè, una volta per tutte, si dirima tale questione nell’interesse supremo dei cittadini. In particolare, rivolgiamo un appello al neo sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, affinchè si renda promotore di tale iniziativa”.