fbpx

C’è aria di crisi in casa Akragas. L’allarme era stato lanciato dal Dirigente generale Giovanni Martello, che parla di assenza di fondi per affrontare le trasferte e fino a ieri avanzava la speranza di contatti.
Ma oggi ha comunicato che l’Akragas è costretta a chiudere definitivamente, che il titolo non interessa a nessuno. “La cordata che ci aveva contattato, ha detto Martello, ha risposto picche ad una somma irrilevante proposta, e corrispondente all’iscrizione di quest’anno oltre il materiale sportivo. Ci sentiamo delusi dalla risposta negativa che ci è stata data, e ciò ci costringe da subito, a comunicare ai giocatori di ritenersi liberi di tornarsene a casa. Non siamo nelle condizioni di affrontare la prossima trasferta ad Alcamo, nè tanto meno, le altre ancora più lunghe come quella con il Due Torri. Andrò dal sindaco e relazionerò in merito”. Rinunciare a giocare significa ricevere anche un punto di penalizzazione, ed alla terza rinuncia si va verso la radiazione. Un piatto amaro per i tantissimi tifosi di fede biancazzurra.