Top Videos
  • Intervista al candidato sindaco di Agrigento Mario Gallo
    8589 76
  • Operazione “la carica dei 104” : 19 arresti
    5868 76
  • Speciale Interviste ospite Simona Carisi 21 08 2014
    5217 76
  • Piano giovani la procura apre un fascicolo
    4236 76
  • Crocetta e Piano Giovani: in bilico il nuovo bando
    3700 76
  • Piano giovani il bando della discordia
    3457 76
  • Addio al vecchio libretto, il certificato di proprietà ora è digitale
    3405 76
  • Telegiornale del 10-04-2014 ore 14:00
    2920 76
  • Obbligo accatastamento caldaie, intervento adoc
    2768 76
  • VIlla del Sole sarà data in gestione intervento di Di Rosa
    2381 76

Disagi in via Regione Siciliana

Disagi in via Regione Siciliana
Rate this post

Disagi in via Regione Sicilia, al Quadrivio Spinasanta, ad Agrigento. I residenti da tempo lamentano forti odori fecali provenienti dall’acqua che fuoriesce dai rubinetti. Lunedì scorso 2 ottobre , dopo varie richieste, sono stati prelevati dei campioni di acqua. I residenti continuano a lamentare cattivi odori e problemi di salute. L’amministratore responsabile dei condomini di via Regione Siciliane si è anche rivolto ad uno studio legale per avere risposte. Da parte sua, Girgenti acque fa sapere in una nota che ” gli operatori della Società stanno provvedendo a monitorare la qualità dell’acqua erogata nella zona in questione. Nel corso dell’attività di monitoraggio, Girgenti Acque- continua la nota della società- ha provveduto anche a verificare le condizioni igienico – sanitarie delle cisterne private a servizio delle singole utenze intervenendo, a scopo cautelativo, alla pulizia e disinfezione di quelle cisterne di accumulo che hanno manifestato anomalie rispetto ai parametri previsti dalla legge”. Gli operatori di Girgenti acque sono a lavoro nella zona per ulteriori monitoraggi e controlli finalizzati a ristabilire la normalità nella zona interessata dal fenomeno di sforamento dei parametri previsti, sforamento che , secondo la società, sarebbe dovuto alle condizioni delle cisterne e non dell’acqua distribuita.

Condividi

Categorie: Agrigento, Attualità, disagi