Top Videos
  • Intervista al candidato sindaco di Agrigento Mario Gallo
    8799 76
  • Operazione “la carica dei 104” : 19 arresti
    6051 76
  • Speciale Interviste ospite Simona Carisi 21 08 2014
    5378 76
  • Piano giovani la procura apre un fascicolo
    4386 76
  • Crocetta e Piano Giovani: in bilico il nuovo bando
    3840 76
  • Piano giovani il bando della discordia
    3593 76
  • Addio al vecchio libretto, il certificato di proprietà ora è digitale
    3533 76
  • VIlla del Sole sarà data in gestione intervento di Di Rosa
    3357 76
  • Telegiornale del 10-04-2014 ore 14:00
    2968 76
  • Obbligo accatastamento caldaie, intervento adoc
    2818 76

Disagi in via Regione Siciliana

Disagi in via Regione Siciliana
Rate this post

Disagi in via Regione Sicilia, al Quadrivio Spinasanta, ad Agrigento. I residenti da tempo lamentano forti odori fecali provenienti dall’acqua che fuoriesce dai rubinetti. Lunedì scorso 2 ottobre , dopo varie richieste, sono stati prelevati dei campioni di acqua. I residenti continuano a lamentare cattivi odori e problemi di salute. L’amministratore responsabile dei condomini di via Regione Siciliane si è anche rivolto ad uno studio legale per avere risposte. Da parte sua, Girgenti acque fa sapere in una nota che ” gli operatori della Società stanno provvedendo a monitorare la qualità dell’acqua erogata nella zona in questione. Nel corso dell’attività di monitoraggio, Girgenti Acque- continua la nota della società- ha provveduto anche a verificare le condizioni igienico – sanitarie delle cisterne private a servizio delle singole utenze intervenendo, a scopo cautelativo, alla pulizia e disinfezione di quelle cisterne di accumulo che hanno manifestato anomalie rispetto ai parametri previsti dalla legge”. Gli operatori di Girgenti acque sono a lavoro nella zona per ulteriori monitoraggi e controlli finalizzati a ristabilire la normalità nella zona interessata dal fenomeno di sforamento dei parametri previsti, sforamento che , secondo la società, sarebbe dovuto alle condizioni delle cisterne e non dell’acqua distribuita.

Condividi

Categorie: Agrigento, Attualità, disagi