Disagi Valle, la replica dell’Ente Parco

I disservizi alla Valle dei Templi esistono e sono amplificati dal grande afflusso di questi giorni ma di certo tali problemi non sono di competenza dell’Ente Parco, che da tempo li ha segnalati, e di cui anzi ne subisce le conseguenze”. Lo scrive Pietro Meli, direttore del Parco Valle dei Templi, in una lettera rivolta al sindaco Marco Zambuto replicando in questo modo alle denunce degli organi di stampa sui disagi che turisti si trovano ad affrontare alla Valle.

E lo stesso Meli passa in rassegna uno per uno tali disservizi rendendo noto il punto del Parco.

Innanzitutto dall’assenza del servizio di bus navetta che dovrebbe consentire il parcheggio di autobus turistici e vetture nei nuovi parcheggi di Porta V e Cungo Vela, quest’ultimo fino a oggi giornalmente vuoto, con i bus parcheggiati invece in tutta la città.

“Ad oggi – scrive Meli – la Tua, nonostante le assicurazioni e gli impegni assunti, non ha istituito il servizio di bus navetta né l’ordinanza del sindaco relativa alla circolazione e al posteggio dei pullman, puntualmente emanata, ha sortito nessun risultato essendo assenti i controlli”.

In merito alle biglietterie Meli aggiunge che la creazione del nuovo sistema di parcheggi comportava la chiusura della biglietteria del tempio di Ercole, che diventava così luogo adibito al solo attraversamento dei turisti. In questo modo la visita alla valle si sarebbe potuta effettuare partendo dalle due estremità: Porta V o tempio di Giunone.

“Tuttavia – aggiunge Meli – per agevolare alcuni visitatori la biglietteria del Tempio di Ercole è stata riaperta solo dopo pochi giorni dalla sua chiusura”.

L’Ente Parco, pertanto, si tira fuori dalla polemica sostenendo di avere più volte richiesto, agli organi competenti, gli interventi necessari ribaditi anche in questa nota, come quello della presenza di una pattuglia della polizia municipale per controllore gli accessi alla Valle dei Templi.