Distacco fogna agli utenti morosi. Il TAR dà ragione al sindaco di Grotte

Distacco di Girgenti Acque del servizio di fognatura agli utenti morosi, il TAR Sicilia ha respinto il ricorso avanzato dalla società che gestisce il servizio idrico integrato nei confronti del Comune di Grotte. Era il 23 ottobre del 2015 quando il sindaco del centro agrigentino, Paolo Fantauzzo, con propria ordinanza, vietava ai tecnici di Girgenti Acque di procedere al distacco degli allacci fognari ai cittadini grottesi che non erano a posto con il pagamento delle bollette idriche. Nell’ordinanza del sindaco si faceva leva sul rischio igienico-sanitario che tale procedura poteva innescare. La società presieduta da Marco Campione si era rivolta al TAR per impugnare l’ordinanza sindacale. Lo scorso 20 dicembre però i giudici della prima sezione del Tribunale Amministrativo di Palermo, Presidente Calogero Ferlisi, ha rigettato il ricorso di Girgenti Acque. Una sentenza questa che fa’ giurisprudenza e consentirà anche agli altri sindaci dei Comuni gestiti da Girgenti Acque, di non permettere agli stessi di staccare la fogna ai morosi. I contenuti della sentenza emessa lo scorso 20 dicembre, sono stati illustrati in una conferenza svoltasi nella sede dell’ATI di Agrigento dallo stesso sindaco di Grotte Paolo Fantauzzo. Presenti in conferenza anche i primi cittadini di Casteltermini e Favara, rispettivamente Nuccio Sapia e Anna Alba, quest’ultima amministratrice, nei giorni scorsi aveva diffidato Girgenti Acque a procedere con il distacco dei collegamenti fognari sul suo territorio comunale.

[wp-rss-aggregator]