Ecco Youpol contro droga e bullismo

La Polizia di Stato sempre più vicina ai cittadini, soprattutto ai più giovani, scegliendo di parlare lo stesso linguaggio e di utilizzare gli stessi strumenti. Da oggi è attiva anche ad Agrigento You-Pol, la app che permette di mettersi in contatto in tempo reale con la centrale operativa che gestisce il pronto intervento per segnalare, anche inviando fotografie, episodi di criminalità, dallo spaccio al bullismo ai maltrattamenti. Lo strumento , questa mattina, è stato promosso e diffuso all’sitituto Nicolò Gallo di Agrigento. “È uno strumento tecnologico e spetta a voi farlo vivere”, ha detto il questore Murizio Auriemma agli studenti. ” E’ stato creato uno strumento facile e amichevole per cercare di coinvolgervi il più possibile”. Sarà possibile fare segnalazioni con più facilità- ha chiarito ”. Carlo Mossuto, capo gabinetto della questura Agrigento ha spiegato: ” è un  nuovo modo per denunciare alle autorità competenti fatti di cui si è testimoni diretti o notizie di cui si ha conoscenza indirettamente. ‘You Pol’ è l’app che permette di inviare immagini, video, segnalazioni scritte, link, siti web, in tempo reale alle sale operative della Polizia di Stato per denunciare episodi di bullismo o di spaccio”. Come funziona? “L’app può essere scaricata su tutti i dispositivi, smartphone e tablet, accedendo alle piattaforme Apple Store e Play Store e al sistema operativo Android- ha detto Cesare Castelli, dirigente dell’ ufficio Prevenzione e soccorso pubblico-. Tra le possibilità messe a disposizione dell’applicazione c’è anche la chiamata di emergenza: un pulsante di colore rosso con la scritta ‘chiamata di emergenza’ metterà in contatto direttamente l’utente con la sala operativa della Questura in cui si trova il dispositivo, grazie alla ‘georeferenziazione’ immediata del dispositivo segnalante e del luogo interessato dall’evento. YouPol è a disposizione di tutti i cittadini e può essere usata sia attraverso una registrazione che in forma anonima. ”.