Top Videos
  • Intervista al candidato sindaco di Agrigento Mario Gallo
    8538 76
  • Operazione “la carica dei 104” : 19 arresti
    5819 76
  • Speciale Interviste ospite Simona Carisi 21 08 2014
    5170 76
  • Piano giovani la procura apre un fascicolo
    4182 76
  • Crocetta e Piano Giovani: in bilico il nuovo bando
    3654 76
  • Piano giovani il bando della discordia
    3414 76
  • Addio al vecchio libretto, il certificato di proprietà ora è digitale
    3365 76
  • Telegiornale del 10-04-2014 ore 14:00
    2892 76
  • Obbligo accatastamento caldaie, intervento adoc
    2740 76
  • VIlla del Sole sarà data in gestione intervento di Di Rosa
    2217 76

Emergenza incendi. Piromane arrestato a Sciacca

Emergenza incendi. Piromane arrestato a Sciacca
Rate this post

Sul fronte incendi, è stato letteralmente un week – end di fuoco quello vissuto nell’agrigentino dove, diversi roghi hanno interessato zone comprese tra i comuni di Agrigento, Porto Empedocle e Grotte. Nella notte tra sabato e domenica Vigili del Fuoco a lavoro, nel centro capoluogo di Provincia nella zona della clinica Sant’Anna e nella mattinata di ieri anche nel quartiere di Villaggio Mosè. A Porto Empedcole invece le fiamme hanno avvolto parte della contrada “Ciuccafa. Fuoco anche nell’agro di Grotte. Tutti incendi comunque che fortunatamente non hanno coinvolto persone, ma ettari di vegetazione sono andate in cenere. Intanto a Sciacca, i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato un uomo del luogo, sorpreso ad appiccare fuoco a dei mucchi di sterpaglie in prossimità di un terreno incolto situato nelle immediate vicinanze del centro abitato. L’uomo è stato avvistato dai militari poco dopo le ore sette del mattino in via Agatocle, a poche decine di metri dalle Terme di Sciacca, si deve ad un maresciallo dei carabinieri, che ha spento il fuoco il propagarsi delle fiamme. Al presunto piromane comunque non verrebbe contestato l’innesco delle fiamme che venerdì scorso hanno seminato il terrore tra gli abitanti del quartiere Sant’Agostino. L’uomo che è stato posto ai domiciliari rischia una pena detentiva compresa tra 4 e 10 anni. Rimane alta l’allerta incendi nell’agrigentino, intanto l’ex Provincia Regionale ha avviato il servizio di vigilanza antincendio lungo alcune strade, provinciali e consortili.

Condividi

Categorie: Agrigento, allarme incendi, Carabinieri, Cronaca, Grotte, Porto Empedocle, Provincia, Sciacca