fbpx

Nonostante la frenata sull’argomento candidato sindaco, èpolis prosegue con la sua attività di incontri avviando ieri il trittico di convegni sui temi caldi della città di Agrigento.
Lo sviluppo economico è stato così al centro dell’incontro-dibattito di eri che partendo dall’analisi dell’attuale panorama economico ha avanzato le possibili prospettive future di rilancio.
Un mattinata condotta a due voci: da un lato Sergio Carbone Direttore Generale di Projectland Milano, Economista dell’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore; dall’altro Gaetano Pendolino Presidente del Consorzio Turistico Valle dei Templi.
Da segnalare, sul fronte politico, la presenza del Partito Democratico con una folta delegazione dagli onorevoli Angelo Capodicasa e Giacomo Di Benedetto al segretario provinciale Emilio Messana fino al segretario del circolo Agrigento Mimmo Pistone. Proprio lui è intervenuto parlando di parere favorevole del Partito Democratico all’iniziativa ribadendo l’interesse a un confronto con èpolis.
Cosa questo possa significare a livello elettorale non è facile, al momento, capirlo.
Il Pd infatti è interno alla coalizione con Mpa e Fli. Ma oggi ancora la confusione regna sovrana. Confusione almeno apparente.
Erano presenti anche Barbara Garascia di Grande Sud e Piero Macedonio del Patto per il Territorio.
Nel suo intervento il portavoce del comitato Paolo Minacori ha lanciato il suo appello ai presenti. “Non abbiamo più tempo, nessuno si deve sottrarre al governo della città”.
Intanto Èpolis ha in programma nelle prossime settimane altri due appuntamenti sul tema “legalità” e “città sostenibile”.