Fallisce anche il progetto Akragas 2.0.

Si era sperato per l’Akragas 2.0, nel tentativo di salvare il calcio in città. Una lettera, firmata dal sindaco Firetto e dall’assessore allo Sport e Bilancio, Giovanni Amico, con tanto di carta intestata del Comune, nei giorni scorsi era stata inoltrata alla Lega Sicula al fine di iscrivere una squadra della città nel massimo campionato regionale, quello di Eccellenza, o in alternativa nel campionato di Promozione. Ma arriva la risposta: Nè Eccellenza nè Promozione. La Lega sicula, ha comunicato le squadre che compongono i gironi di Eccellenza e Promozione e la società biancazzurra non è stata inserita. “Nessun atto formale e burocratico è stato compiuto dopo la lettera”, sottolineano dalla Lega. Significa che la volontà è rimasta tale e, ad oggi, non vi sarebbe nessuna società nè sarebbe stata messa in piedi alcuna cordata imprenditoriale. C’è, comunque, qualche altro giorno di tempo per tentare di iscrivere una squadra in prima categoria. Un eventuale ammissione ad un campionato di Eccellenza o Promozione potrà avvenire solo dopo aver esaurito la graduatoria delle domande di “ripescaggio” pervenute da altre squadre, formulate in base al regolamento emanato dal Consiglio Regionale. Dunque, ancora e solo buio per i colori biancoazzurri, lo stesso che sta interessando lo stadio esseneto abbandonato a se stesso. Lo stadio, inizialmente, era stato affidato alla società biancazzurra. La proprietà avrebbe firmato una convenzione, adesso tutto ciò che è stato detto e scritto è andato in decadenza. L’Akragas è fallita, ed a prendersi cura dello stadio “Esseneto”, dovrebbe essere il Comune di Agrigento, ma tutto questo non sta accadendo.