fbpx

Il paese dell’Agrigentino per un giorno è stata la capitale provinciale delle battaglie per liberarsi dalla criminalità organizzata e per affermare la cultura della legalità. Lo ha fatto con un programma ampio e ricco di appuntamenti che hanno coinvolto giovani e scolaresche. Una giornata di spettacoli, di incontri e di musica per sostenere e rilanciare un impegno che è un investimento sul futuro. La mattinata è iniziata con un corteo, preceduto dalla banda musicale “Giuseppe Lentini”, con in testa i rappresentanti della Polizia di Stato, dell’Arma dei carabinieri, della Guardia di finanza, dei vigili del fuoco, del Corpo forestale della Regione Siciliana e della Polizia municipale. Alle 10 in piazza Cavour il saluto alla cittadinanza ed alle autorità civili, militari e religiosi del sindaco, Domenico Russello. Poi subito dopo è stata inaugurata la mostra sulla legalità con la presentazione di una maxi-tela realizzata dal Laboratorio Artistico Comunale di Disegno e Pittura. Grande partecipazione per le esercitazioni dimostrative effettuate dalle unità operative della Polizia di Stato, dell’Arma dei carabinieri, della Guardia di finanza e del Corpo forestale della Regione Siciliana. Molto spettacolare la prova dei vigili del fuoco del nucleo Saf, che imbracati con delle funi, hanno coperto con un grandissimo tricolore la facciata esterna del Castello di Favara.