fbpx

Si sono incontrati nel santuario di San Calogero I carabinieri agrigentini per rendere omaggio alla patrona dell’arma, la Virgo Fidelis. C’erano militari in divisa, i parenti di quelli che non ci sono più, l’associazione carabinieri della provincia agrigentina e anche le istituzioni civili , militari e politiche, tutti insieme per pregare la celeste Madonna, il cui culto è iniziato dopo l’ultimo conflitto mondiale, ed ispirata alla fedeltà che, propria di ogni soldato al servizio della Patria.
La proclamazione ufficiale di Maria  “Virgo Fidelis” Patrona dei Carabinieri avvenne l’8 dicembre 1949 ad opera di Pio XII, che scelse il 21 novembre quale data da dedicarne al culto, in concomitanza di un evento eroico e tragico della Guerra d’Africa, nel corso del quale un intero Battaglione di Carabinieri si sacrificò in località Culqualber. Dopo la Santa Messa, il comandante provinciale dell’Arma, Mario Di Iulio ha tenuto un discorso per ringraziare i presenti e ricordare la storica battaglia, che valse all’Arma la seconda medaglia d’oro.
A celebrare la Santa Messa è stato il rettore del santuario, don Lucio Li Gregni.