Agrigento Attualità

Firetto: ” Agrigento è pronta a ricominciare dal turismo”

“Agrigento è pronta a ricominciare dal turismo con azioni condivise con gli operatori che attestino sicurezza e garanzia della destinazione turistica”.
A dichiararlo è il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, che per sostenere lavoratori e imprese del turismo ha attivato gli uffici per elaborare una proposta articolata da condividere con i rappresentanti del settore.
“Nella fase delicata della ripartenza, uno dei comparti più colpiti dagli effetti della pandemia merita un’attenzione particolare. La generale faticosa ripresa e il mantenimento delle regole del distanziamento sociale, la drastica riduzione del target di clientela a un turismo di prossimità – afferma Firetto – rendono il futuro del Turismo, ad Agrigento, come nel resto del Paese, assai incerto. Tuttavia – prosegue – la marginalità con cui finora il contagio ha colpito la città, consente di poter promuovere il territorio in termini di sicurezza, a certe condizioni”.
Il 16 aprile scorso Firetto ha incontrato in videoconferenza i rappresentanti degli operatori del settore turistico, accogliendo l’istanza di collaborazione propositiva per affrontare fase 2 dell’emergenza Covid 19.
Lunedì scorso, le rappresentanze del settore hanno trasmesso al sindaco una nota ben dettagliata contenente alcune riflessioni e diverse richieste operative.
Il sindaco Firetto, anche nella sua veste di presidente del Distretto Turistico Valle dei Templi, ha raccolto in una piattaforma di discussione i temi affrontati e ha elaborato alcune soluzioni possibili nell’immediato e a medio e lungo termine, che saranno discusse e condivise in  videoconferenza. Intanto, in attesa delle decisioni governative nazionali e regionali, per la riduzione o la sospensione di imposte e tasse, il Comune ha allo studio possibili sgravi per il periodo di inattività.
Tra le iniziative di promozione della destinazione turistica figurano la comunicazione sul limitato contagio nell’area territoriale agrigentina; la serietà nel controllo della situazione emergenziale, l’incentivo all’applicazione di misure di sicurezza e prevenzione. Inoltre, rimane la massima attenzione al programma di realizzazione delle opere pubbliche e dei servizi per rendere la città adeguata nell’offerta, anche nell’ottica delle più recenti logiche di sostenibilità. Il Comune, inoltre, riunificherà in un solo asset gli sportelli SUAP e SUE, per garantire l’apertura di aziende o la modifica delle loro caratteristiche in tempi brevissimi e compatibili con le necessità di adeguamento delle imprese a seguito dell’impatto dell’emergenza.
 Il sindaco Firetto, peraltro, è tra i promotori delle richieste in corso di confronto tra ANCI e Governo, per ridurre fortemente l’impatto della burocrazia nelle procedure amministrative che sono interessate, direttamente ed indirettamente, dall’emergenza e che incidono sugli assetti operativi delle aziende. Oltre ad attivare uno sportello per le segnalazioni degli operatori turistici, il Comune è pronto a trovare forme di supporto per sostenere le imprese turistiche nei confronti del sistema bancario e le Istituzioni.
Il Comune, ove concordato con la filiera turistica, destinerà, in favore di reti o gruppi di imprese, una somma per incrementare un plafond di buoni sconto per soggiorni maggiori di due giorni, come già previsto nel riparto ufficiale del ricavato della tassa di soggiorno, così come la promozione di holiday bond da spendere entro 2021 nelle strutture ricettive e della ristorazione. Tra le  misure eccezionali proposte per la fase2 figura il distanziamento sociale d’area, che prevede la limitazione oraria di accesso in alcune strade interessate dall’uso degli spazi esterni per la ristorazione, bar e pub.
“Dal confronto con gli operatori – conclude il sindaco Firetto – scaturirà un’azione forte per la ripresa del settore in tutto il territorio di Agrigento”.