Attualità Cronaca Politica

Firetto lascia la guida dell UDC all ARS – matrimonio con ncd in vista

Firetto lascia la guida dell UDC all ARS – matrimonio con ncd in vista
Rate this post

Prima le voci di corridoio di una possibile candidatura alla poltrona più alta di Palazzo dei Giganti, ormai vacante da mesi, subito smentite. Poi Lillo Firetto, sindaco di Porto Empedocle e deputato regionale dello scudocrociato, ha rotto gli indugi, arrivando a dichiararsi “possibilista”. Nei giorni a seguire, la situazione si è rapidamente evoluta tra colpi di scena e paventati matrimoni politici. Oggi uno stringato comunicato, ha portato uno spiraglio di chiarezza: Firetto annuncia le sue dimissioni, irrevocabili, da Presidente del Gruppo Parlamentare Udc all’Assemblea Regionale Siciliana. Il deputato giustifica la propria presa di posizione con l’intensificarsi dell’attività connessa al suo mandato di sindaco che gli impedirebbe di assolvere la funzione di Presidente del Gruppo Parlamentare Udc. Un altro tassello, allora, che rafforza la tesi di un presunto avvicinanamento di Lillo Firetto alle posizioni politiche di chi lo vorrebbe lanciare alla guida della città di Agrigento, riconquistando un feudo inespugnabile dall’ormai lontano 2007. Il sindaco di Porto Empedocle non vuole aggiungere altro. Raggiunto telefonicamente, però, coglie l’occasione per ringraziare il Ministro dell’Interno Angelino Alfano, per aver espresso la volontà di riconoscere ai comuni coinvolti dall’operazione Mare nostrum, misure compensative.

INT. FIRETTO

Un terzo indizio che tramuta i dubbi in, ancora non ufficiali, e  deboli certezze. Ma il quadro si fa sempre più chiaro ed un nuovo progetto politico prende forma.