fbpx

“Fra le misure di sostegno economico previste dal nuovo governo, la liberalizzazione degli orari di apertura delle attività commerciali sta producendo l’effetto di penalizzare i lavoratori ei piccoli esercizi commerciali, schiacciati dalla Grande Distribuzione”. Inizia così una nota di Maurizio Saia, della Fisascat Cisl di Agrigento. “Stimolare i consumi- continua- senza avere disponibilità di risorse senza creare un clima positivo fra i consumatori diventa un meccanismo che non funziona, anzi crea maggiori disagi nel mondo del lavoro. Nei primi mesi del 2012, continua il trend negativo della perdita di posti di lavoro. In provincia di Agrigento, si registrano giornalmente chiusure di attività e riduzione di personale, soprattutto nei cosiddetti centri commerciali. L’apertura di così tanti centri commerciali, in assenza di un bacino di utenza adeguato, sta causando un peggioramento del tessuto sociale ed economico, in primo luogo non riuscendo ad auto sostenersi e danneggiando peraltro le piccole ma numerose attività”.