fbpx

“Assistere passivamente allo sgretolarsi del tessuto economico-etico-sociale della nostra provincia è da irresponsabili. Serve un Patto sociale, che veda protagonisti tutti gli attori sociali, imprese e lavoratori e che coinvolga anche le Istituzioni.” Lo scrive in una nota Maurizio Saia, della Fisascat Cisl di Agrigento che continua: “Vorremmo realizzare un Osservatorio attraverso il coinvolgimento della Prefettura, organo di governo del territorio, che analizzi i dati e le cause della crisi, osservando con attenzione, le motivazione che hanno indotto negli ultimi mesi decine di aziende a chiudere le attività o a ridurre sensibilmente gli organici attraverso l’utilizzo, in alcuni casi eccessivo, degli ammortizzatori sociali. Gli Enti locali- conclude Saia- dovranno onorare i contratti con le imprese, provvedere ai pagamenti con tempestività, gestire meglio gli appalti, con particolare attenzione ai ribassi d’asta, per non peggiorare la qualità dei servizi”