Top Videos
  • Intervista al candidato sindaco di Agrigento Mario Gallo
    8396 76
  • Operazione “la carica dei 104” : 19 arresti
    5668 76
  • Speciale Interviste ospite Simona Carisi 21 08 2014
    5054 76
  • Piano giovani la procura apre un fascicolo
    4083 76
  • Crocetta e Piano Giovani: in bilico il nuovo bando
    3556 76
  • Piano giovani il bando della discordia
    3328 76
  • Addio al vecchio libretto, il certificato di proprietà ora è digitale
    3253 76
  • Telegiornale del 10-04-2014 ore 14:00
    2852 76
  • Obbligo accatastamento caldaie, intervento adoc
    2674 76
  • VIlla del Sole sarà data in gestione intervento di Di Rosa
    1790 76

“Girgenti Acque inadempiente”, revocata la gestione dei depuratori

“Girgenti Acque inadempiente”, revocata la gestione dei depuratori
Rate this post

Non avrebbe rispettato le prescrizioni del sequestro e la procura di Agrigento ha deciso di revocare a Girgenti acque la gestione degli impianti di depurazione nella provincia, che era stata affidata alla società dopo i sequestri preventivi disposti dalla Procura. La gestione passa al dipartimento acque e rifiuti della Regione siciliana, «in modo da tutelare più efficacemente la salute degli utenti e dei cittadini». Il provvedimento è stato disposto dal gip di Agrigento ed è stato notificato a Girgenti acque. La richiesta di revoca è stata avanzata dal gruppo di lavoro della Procura composto dai sostituti Silvia Baldi e Alessandra Russo e coordinato dal procuratore capo Luigi Patronaggio. Gli impianti di depurazione – già oggetto di sequestrato preventivo – sono a servizio dei comuni di Agrigento-Villaggio Mosè, Licata, Cattolica Eraclea, Montallegro, Siculiana e Realmonte.

Il gip ha nominato come amministratore giudiziario il direttore generale del dipartimento acque e rifiuti della Regione, Maurizio Pirillo, dopo aver preso atto «delle condizioni critiche in cui versano gli impianti e dell’accertato complessivo inadempimento da parte della Girgenti acque spa delle prescrizioni imposte nei decreti di sequestro preventivo e nei successivi decreti modificativi».

Condividi

Categorie: Agrigento, Attualità, Provincia