fbpx

Il 18 maggio scorso l’annuncio da parte del presidente della provincia Eugenio D’Orsi dell’azzeramento della sua giunta per dare – aveva detto – un nuovo rilancio all’attività amministrativa.

Ma a due mesi e mezzo da queste dichiarazioni si attende ancora di conoscere i nomi dei nuovi assessori.

Era stata organizzata per ieri mattina la conferenza stampa di presentazione della nuova giunta ma a poche ore dall’appuntamento, attraverso una nota stampa, la conferenza veniva rinviata a oggi.

Motivo: problemi di natura familiare del presidente della Provincia D’Orsi.

Ma ieri sera, con un altro comunicato, la conferenza stampa è stata nuovamente rinviata, questa volta a data da destinarsi. Si tratta questo del secondo rinvio in meno di 12 ore.

Non è escluso che oltre al perdurare dei problemi familiari di D’Orsi vi possano essere anche criticità di natura politica.

Sembrerebbe infatti che non sia stato chiuso il cerchio all’interno della coalizione.

Il contesto politico, infatti, è in continuo movimento.

Da un lato la situazione nazionale con Fini che rompe con Berlusconi, dall’altro il contesto regionale con la corrente lealista del Pdl di Alfano e Schifani definitivamente fuori dal governo Lombardo con un grande solco a divirderli.

Ma complicare il contesto anche situazioni locali: con il più votato tra i consiglieri provinciali, Riccardo Gallo, sempre più isolato all’interno del popolo della libertà e in procinto, si dice, di passare ufficialmente nelle fila dell’Udc.

E se si pensa anche agli equilibri politici in continuo movimento al Comune di Agrigento attorno al sindaco Marco Zambuto si comprendono bene alcune delle difficoltà che posso rallentare la nascita delle nuova giunta provinciale.

Tante premesse per un mese di agosto molto caldo per la politica agrigentina.