fbpx

Le nuove giunte sarebbero state nominate, era stato detto, entro la fine del 2010.
Ma per conoscere il nuovo volto dell’amministrazione provinciale e di quella del Comune di Agrigento bisognerà attendere ancora alcuni giorni, almeno fino a metà gennaio.
D’Orsi e Zambuto, infatti, ne hanno discusso ieri mattina nel corso di un incontro informale avuto a Porta di Ponte.
Una discussione servita per chiarire i prossimi passi dei due amministratori in particolare in merito agli aspetti politici che riguardano i due loro partiti di appartenenza.
D’Orsi, infatti, si è impegnato a inserire nella sua giunta un uomo dell’Udc. Lo stesso ha fatto Zambuto che ha assicurato l’ingresso nella sua amministrazione del Movimento per l’autonomia.
Eugenio D’Orsi e Marco Zambuto infatti sembrano ormai proseguire lungo la strada sperimentata da Raffaele Lombardo alla regione Siciliana.
Il cosiddetto cartello regionale, composto da Mpa, Udc, Partito democratico e gli ex An di Futuro e Libertà dovrebbe concretizzarsi, così, sia alla Provincia che al Comune di Agrigento.
Entrambe le giunte dovrebbero tra l’altro essere composte da 8 assessori.
Zambuto infatti aveva annunciato la riduzione da 10 a 6 componenti in giunta per risparmiare a fronte della difficile situazione economica. Ma con 6 assessori sarebbe stato quasi impossibile mantenere i nuovi equilibri politici.
Bisognerà adesso capire se tutti gli assessori comunali percepiranno o meno l’indennità.
Eugenio D’Orsi, invece, si riserva di nominare nuovi rappresentanti in giunta nei giorni successivi.
Non è escluso, infine, che le due nuove amministrazioni vengano presentate quasi contemporaneamente, probabilmente il prossimo fine settimana.