Giusi Nicolini tra i papabili per il premio Nobel per la Pace

Si chiacchiera già da un po’ che  Giusi Nicolini,  sindaco di Lampedusa, sia  in corsa tra le figure a cui potrebbe essere assegnato quest’anno il Nobel per la Pace. Insieme all’isola di Lampedusa, che da anni compie uno sforzo sempre in prima linea nell’accoglienza e nell’assistenza dei migranti, circola da tempo come “papabile” per il premio Nobel più ambito, che sarà assegnato venerdì prossimo ad Oslo. Il comitato norvegese potrebbe fare una scelta dettata dall’attualità storica che l’Europa  sta vivendo, premiando un soggetto  o un’istituzione che abbia contribuito ad attenuare le sofferenze di coloro che fuggono da guerre o dai regimi autoritari.  Ma la Nicolini non è l’unica in lista,  tra i nomi più in  quota figura anche quello del cancelliere tedesco, Angela Merkel, che ha aperto le frontiere della Germania a migliaia di migranti in cerca di  asilo politico. Poi si vocifera  il prete cattolico eritreo, Mussie Zerai, che ha aiutato migliaia di rifugiati ad attraversare il Mediterraneo, infine l’Alto Commissariato Onu per i Rifugiati. Partita completamente aperta dunque, ma solo ed esclusivamente   solo se il comitato norvegese si baserà sul tema migranti. Cambiato tema cambieranno anche i nomi.

3 commenti su “Giusi Nicolini tra i papabili per il premio Nobel per la Pace

I commenti sono chiusi.