Gli ospiti di villa Sikania verranno distribuiti

Villa Sikania, l’albergo che da tempo ormai è stato trasformato in centro d’accoglienza, non chiuderà. I migranti ospiti – ritenuti essere, in termini numerici, sproporzionati rispetto agli abitanti – dovranno essere “riassorbiti” da altri Comuni dell’Agrigentino. E per dar corso alla cosiddetta “ripartizione” si terrà presto, verosimilmente dopo le festività, una conferenza di servizi in Prefettura. Perché le amministrazioni comunali della provincia dovranno dare la loro disponibilità e prendere un impegno concreto per garantire un numero ben determinato di ospitalità. “La cosiddetta emergenza immigrazione, per l’Agrigentino, è ormai diventata ordinarietà – ha spiegato, ieri, il questore Maurizio Auriemma – . Una ordinarietà che ha un peso su quelle che sono, anche per la polizia di Stato, le attività ordinarie visto che c’è un impegno costante sia su Lampedusa che sulla stessa Villa Sikania”. A Siculiana, nei mesi passati, i cittadini sono più volte scesi in strada per reclamare attenzione proprio sulla sproporzione fra il numero dei migranti accolti: che vanno da 200 a 300 in rapporto alla popolazione. Fra l’altro, per i migranti ospiti di Villa Sikania, non c’è un tempo preciso di permanenza, in attesa del riconoscimento del loro status.