ARS Attualità Coronavirus

Graduale apertura in Sicilia

Alcuni giorni fa il Premier Giuseppe Conte ha annunciato, tramite la tanto attesa conferenza stampa, le linee guida da seguire durante la famosa “fase 2” che formalmente inizierà dal 4 maggio: le decisioni stabilite dal nuovo decreto hanno creato molte polemiche. Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha firmato una nuova ordinanza indicando tutte le novità introdotte con l’inizio della “Fase 2”: tra queste, la possibilità di spostarsi nella seconda abitazione,  la riapertura di bar e ristoranti per preparare cibo da asporto, la pratica di sport non individuali come il tennis e poi la riapertura dei cimiteri.  L’ordinanza sarà in vigore da lunedì  prossimo e fino al 17 maggio. Sul fronte trasporti, la Sicilia resta blindata. Rimangono, dunque, congelate le limitazioni all’accesso nell’Isola almeno fino al 17 maggio. In quella stessa data Musumeci spera anche di ottenere dal premier Conte l’ok alla riapertura di parrucchieri per uomo e per donna.  Sul punto che riguarda l’ok a spostarsi nelle seconde case  Musumeci impone due condizioni, come si legge nel testo: devono essere spostamenti per il trasferimento “stagionale”, ovvero per l’estate e non occasionali e sono vietati nei giorni domenicali e festivi. E a proposito di spostamenti , sta creando confusione tra i cittadini l’utilizzo o meno dell’autocertificazione dal prossimo 4 maggio. Come già detto nei giorni scorsi, l’autocertificazione servirà ancora anche per muoversi all’interno dello stesso territorio comunale, anche per andare a far visita ai congiunti compresi le fidanzate e i fidanzati.