Top Videos
  • Intervista al candidato sindaco di Agrigento Mario Gallo
    8982 76
  • Operazione “la carica dei 104” : 19 arresti
    6227 76
  • Speciale Interviste ospite Simona Carisi 21 08 2014
    5498 76
  • Piano giovani la procura apre un fascicolo
    4498 76
  • VIlla del Sole sarà data in gestione intervento di Di Rosa
    4081 76
  • Crocetta e Piano Giovani: in bilico il nuovo bando
    3954 76
  • Piano giovani il bando della discordia
    3697 76
  • Addio al vecchio libretto, il certificato di proprietà ora è digitale
    3631 76
  • Telegiornale del 10-04-2014 ore 14:00
    3010 76
  • Obbligo accatastamento caldaie, intervento adoc
    2876 76

Ignazio Cutrò abbandonato anche dalle istituzioni di Bivona.

Ignazio Cutrò abbandonato anche dalle istituzioni di Bivona.
Rate this post

Ha suscitato scalpore la revoca del programma di protezione ai familiari di Ignazio Cutrò e la scelta dello stesso ex imprenditore di rinunciare alla propria scorta per evitare ai propri cari di essere un bersaglio  facile per la criminalità organizzata. 

Ignazio Cutrò che da una settimana, vive da uomo libero nella sua casa alle porte di Bivona, ha ricevuto migliaia di attestati di vicinanza e solidarietà. Tra i primi a mettersi in contatto con il testimone di giustizia è stato l’arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro che ha espresso il proprio rammarico per la decisione attuata dal ministero dell’Interno e dalla Prefettura di Agrigento.  Dalla Campania e più precisamente dalla Provincia di Salerno, il caso  Cutrò è approdato tra i banchi del consiglio comunale di Contursi Terme  dove  sindaco, giunta e consiglieri hanno espresso la loro vicinanza al testimone di giustizia agrigentino. Altri due centri salernitani si sono stretti attorno alla famiglia Cutrò, ovvero i Comuni di Padula e Vallo di Diano, in quest’ultimo centro, la locale sezione di Libera invierà al ministero dell’Interno 1000 cartoline  dove si chiederà al Viminale di  rivedere la propria posizione.  Anche una parte della classe politica agrigentina si è espressa con i deputati all’ARS Mangiacavallo e Di Caro.

 Dicevamo che sono stati migliaia gli attestai di vicinanza alla famiglia Cutrò, ad oggi però  c’è stata una voce assente ed è quella di Bivona. Nessun segnale  dalle istituzioni della comunità agrigentina, la paura di esporsi sembra aver innalzato una barriera di indifferenza al calvario patito dall’onesta famiglia bivonese.

il silenzio della comunità bivonese, 25 anni dopo l’anatema ai mafiosi  pronunciato nella Valle dei Templi di Agrigento da Papa Giovanni Paolo II, stride e non poco con il processo di legalità instaurato nelle menti dei siciliani dopo le stragi palermitane del ’92 .

Condividi

Categorie: Agrigento, Attualità, Cronaca, Politica, Provincia, Ultime news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *