fbpx


Il CGA annulla un ordine di demolizione adottato dalla Sovrintendenza per i beni culturali di Agrigento. Giovanni Taglialavoro, di 64 anni, di Agrigento, aveva realizzato negli anni ’90 dei lavori in un immobile di sua proprietà sito in via Emporium, previo rilascio di apposito nulla osta da parte della Soprintendenza dei beni culturali ed ambientali di Agrigento. Sussessivamente all’esecuzione dei lavori la medesima Soprintendenza, ordinava la demolizione di alcune opere asseritamente abusive. Taglialavoro ha proposto un ricorso giurisdizionale, con il patrocinio dell’avv. Girolamo Rubino, lamentando una grave forma di eccesso di potere, sotto il profilo del difetto di istruttoria e di motivazione. Per effetto della pronunzia resa dal cga Taglialavoro non dovrà procedere ad alcuna demolizione e potrrà richiedere davanti la Corte d’appello di caltanissetta l’indennizzo previsto.