Incertezza sugli accordi del primo forum economico Italo – Libico

Non si è capito bene come e quando potrà essere attuato ma intanto si è raggiunto l’accordo. Così si potrebbe sintetizzare la due giorni del primo forum economico italo – libico svoltosi venerdì e sabato scorsi ad Agrigento.

Le attuali condizioni di instabilità nel Paese africano infatti, mettono dei paletti al futuro piano di investimenti italiani in Libia.

Secondo quanto annunciato a chiusura del Forum dal ministro degli Affari Esteri, Angelino Alfano, di sicuro ci sarà l’impegno di grosse imprese italiane nella ricostruzione dell’aeroporto di Tripoli, la formazione in Italia di futuri manager libici e la volontà a rinnovare l’appuntamento del forum anche per i prossimi anni.

L’area di incertezza che si respira in Libia mette seriamente a rischio anche i crediti, circa 1 miliardo di euro, che le imprese italiane vantano dallo Stato africano, anche se il vice premier Ahmed Omar Maiteeg ha annunciato la volontà del suo Governo di rispettare l’impegno con le aziende italiane.

L’elenco delle imprese che hanno partecipato al Forum è lungo, così come tanti erano gli illustri manager  presenti nel fine settimana ad Agrigento, nell’attesa di conoscere gli effettivi esiti del forum, per gli agrigentini resta la consolazione di aver visto ancora una volta, la propria città protagonista nell’aver ospitato un evento, che solo il tempo dirà se è stato utile.

[wp-rss-aggregator]