Cronaca Ravanusa

“Intascava i soldi delle carte d’identità”, sospeso l’impiegato comunale arrestato

In attesa che faccia chiarezza sulla sua posizione giudiziaria il dipendente del Comune di Ravanusa, Mario Seggio, è stato sospeso dal sindaco Carmelo D’Angelo. Un provvedimento, di carattere amministrativo, scontato quello che è stato firmato nelle ultime ore dal capo dell’amministrazione. E’ accusato delle ipotesi di reato di peculato e malversazione in danno di privati.

Il 54enne è stato arrestato, mercoledì mattina, in flagranza di reato. Avrebbe intascato – secondo l’accusa, formalizzata dai carabinieri e dalla Procura – i soldi delle carte di identità elettroniche invece di versarli nelle casse del Comune e dunque dello Stato, riuscendo a mettere da parte circa 30 mila euro.