fbpx

Al Presidente del Consiglio Comunale

QUESTION TIME

Interrogazione sui finanziamenti di completamento del Collegio dei Filippini
di Agrigento da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ai sensi
dell’art.60, comma 4, Legge n.289/2002.

Signor Presidente,
Nel mese di febbraio 2004, con atto del Ministro per i Beni e le Attività
Culturali, è stata costituita Arcus, Società per lo sviluppo dell’arte, della
cultura e dello spettacolo S.p.A., ai sensi della legge 16 ottobre 2003, n.
291.
Il capitale sociale è interamente sottoscritto dal Ministero dell’Economia,
mentre l’operatività aziendale deriva dai programmi di indirizzo che sono
oggetto dei decreti annuali adottati dal Ministro per i Beni le Attività
Culturali di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.
ARCUS  S.P.A. ha il compito di sostenere e avviare progetti ambiziosi
riguardanti i beni e le attività culturali, anche nella loro connessione con le
infrastrutture, perseguendo la visione di contribuire a tradurre i beni e le
attività culturali da oggetto passivo di osservazione a soggetto attivo di
sviluppo.

Ai sensi dell’art. 3 dello Statuto la Società ha per oggetto la promozione e
il sostegno finanziario, tecnico – economico ed organizzativo di progetti e
altre iniziative di investimento per la realizzazione di interventi di restauro
e recupero di beni culturali e di altri interventi a favore delle attività
culturali e dello spettacolo, nel rispetto delle funzioni costituzionali delle
regioni e degli enti locali.
Con decreto dell’ 1 dicembre 2009 il Ministro per i Beni e le Attività
Culturali di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha
approvato il programma (ALLEGATO A), contenente l’indicazione degli interventi
relativi alla tutela, ai beni ed alle attività culturali ed allo spettacolo per
gli anni 2010, 2011 e 2012 e la relativa nota esplicativa  (ALLEGATO B), che
costituiscono entrambi parte integrante del decreto.
Tali interventi sono suddivisi in base all’area geografica di riferimento e
tra le regioni beneficiate interessate ai finanziamenti troviamo anche la
Regione Sicilia, dove il primo intervento ammesso al finanziamento per il
triennio 2010-2012 è il Collegio dei Filippini di Agrigento.

Il progetto esecutivo, se non lo fosse stato non poteva essere finanziato, è
giacente presso l’UTC del Comune di Agrigento e riguarda il completamento degli
impianti di climatizzazione, antifurto, videoconferenza, traduzione simultanea
ecc……..
Le somme stanziate per tale intervento sono state ripartite nel modo
seguente:
240.000,00 euro per il 2010;
200.000,00 euro per il 2011;
TOT.    440.000,00 euro
Alcuni interventi che hanno inoltre permesso l’apertura al pubblico del
Collegio dei Filippini sono stati finanziati dall’agrigentino Michele Guardì in
forma assolutamente gratuita.
Guardì ha provveduto, in parte e con fondi propri, a realizzare l’impianto di
riscaldamento e quelli di allarme e antincendio, indispensabili per proteggere
le opere contenute all’interno della struttura.
Nel ringraziare Michele Guardì per il suo alto impegno e amore nei confronti
della Città di Agrigento, l’Amministrazione Comunale non deve sentirsi appagata
e soddisfatta da questo gesto che sicuramente è stato importante ma non
fondamentale e definitivo per rendere ultimata la struttura nella sua
interezza.
Questo ennesimo finanziamento, da parte dello Stato, rappresenta per la nostra
città un’occasione unica ed irripetibile al fine di completare quelle strutture
di pregio sparse nel nostro Centro Storico ma soprattutto di elevarne l’
importanza culturale e monumentale come il Collegio dei Filippini.

Al contrario, non riuscire ad utilizzare le somme già stanziate si rivelerebbe
per l’Amministrazione Comunale come una sconfitta mortificante e umiliante
incapace a sfruttare occasioni favorevoli per lo sviluppo socio culturale della
nostra città.

Considerata l’importanza del presente argomento, il sottoscritto interpella l’
Amministrazione Comunale al fine di conoscere:

– se ad  oggi si hanno notizie da parte degli uffici competenti a proposito
delle somme per l’anno 2010 (240.000,00) considerato che l’anno in corso è alla
fine e che le stesse somme rischierebbero di essere perse in favore di altre
città;

– se le somme stanziate per gli anni 2010 e 2011 sono state previste in
bilancio;

– per quali motivazioni al progetto esecutivo non si è proceduti con l’inizio
dei lavori per il completamento degli impianti di climatizzazione, antifurto,
videoconferenza, traduzione simultanea all’interno del Collegio dei Filippini
per come previsto dal bando.