fbpx

20 giorni prima rispetto alle 131 giornate lavorative promesse dal presidente della Regione così i lavoratori da domani tornano a casa.
In provincia di Agrigento i forestali sono 905 lavoratori che subito hanno reagito con proteste e malumori.
Una situazione paradossale, spiegano i sindacati: “mentre lottiamo per aumentare le giornate lavorative queste vengono diminuite” dicono.
Ai 105 lavoratori che, nell’Agrigentino, hanno un contratto da 151 giornate lavorative queste verranno comunque garantite. Il problema riguarda i rimanenti 800 che hanno un contratto da 101nisti ma ai quali era stato promesso l’aumento di 30 giornate.
L’ispettorato forestale provinciale di Agrigento tiene comunque a precisare che non c’è stato alcun licenziamento ma solo una sospensione del servizio in attesa di decisioni che arrivino da Palermo, dove si lavora per cercare una soluzione e reperire i fondi necessari.