fbpx


Ha provocato un acceso dibattito su Facebook l’arresto del boss di Cosa Nostra Gerlandino Messina, catturato sabato a Favara. Una discussione in cui e’ intervenuta anche la nipote diciassettenne del boss, che ha ribattuto con durezza agli utenti del social network autori di commenti critici su Messina: “Sono fiera di essere sua nipote, e’ una persona bellissima e lo amo piu’ della mia vita”, ha scritto la ragazza, e che ha aggiunto con linguaggio inequivocabile: “Siete qui a giudicare ma perche’ non pensate agli affari vostri invece che a quelli degli altri. Prima di parlate informatevi. Io amo mio zio e lo difendero’ contro tutto e contro tutti e contro i vigliacchi come voi”. A provocare la reazione della nipote del mafioso, condannato all’ergastolo per diversi omicidi, era stato il commento di una coetanea che dava del “cretino” al boss. Dopo la replica della nipote, un’altra ragazza ha contestato: “Vuoi dire che sei fiera di avere uno zio che ha assassinato un maresciallo dei carabinieri? (il riferimento e’ a Giuliano Guazzelli ucciso nel ‘92 da un commando del quale faceva parte anche Gerlandino Messina, ndr). Se fosse stata la bella persona che dici i Gis gli avrebbero citofonato e non avrebbero fatto l’irruzione con le bombe accecanti”. Ma la nipote non ha desistito: “L’importante e’ che so io chi e’ mio zio e ribadisco di essere fiera di mio zio. Fatevi i cavoli vostri perche’ sapete solo accusare le persone senza sapere veramente le cose. Vergogna, io amo mio zio e lo amero’ sempre. Tu non conosci i valori della famiglia”. Gia’ in passato un’altra donna della famiglia Messina, Anna, sorella di Gerlandino, sempre su facebook scese in campo per difendere l’altro fratello, Fabrizio, che fini’ nei guai per l’omicidio di un imprenditore in Lombardia, vicenda dalla quale poi fu assolto. Dopo l’arresto di Messina, i suoi familiari con in testa la madre si erano radunati davanti alla caserma dei carabinieri e avevano applaudito il congiunto mentre veniva trasferito in carcere.