La Camera di Commercio di Agrigento conferma i fondi al Cupa

Il Cupa di Agrigento ormai si sa, versa in gravi condizioni economiche. Appare chiaro come questo importante strumento di formazione abbia i giorni contati con le conseguenze drammatiche di impedire alle famiglie meno abbienti di dare una cultura universitaria ai propri figli.  Il Consorzio Universitario è composto da Comune di Agrigento, Libero consorzio dei comuni, l’ex provincia per intenderci, e dalla Camera di Commercio. Dopo il recesso sia del Libero consorzio, socio maggioritario che detiene il 90 per cento delle quote per un valore di più di un milione di euro, e sia del comune di Agrigento che non  garantisce la sua quota di 260 mila euro, in controtendenza la Camera di Commercio, credendo nell’importanza dello studio nel polo agrigentino, conferma, anche per il bilancio di previsione 2015, le 100 quote (Euro 51.000) da loro detenute, con la differenza che verranno versate direttamente al Cupa visto la recessione dal consorzio universitario. (Intervista a Vittorio Messina, Pres. Camera di Commercio di Agrigento) Le Camere di commercio della Sicilia stanno subendo una riforma del sistema Camerale che dovrebbe completarsi nel maggio del 2016. Verranno accorpate le Camere di Commercio di Trapani, Agrigento e Caltanissetta. In questa fase sono state dismesse dall’ente tutte le partecipate  disponendo le delibere di recesso anche per quanto riguarda il Consorzio Universitario. Nonostante il taglio economico del 35 per cento subito dall’ente,  il loro contributo al Cupa continuerà ad esserci  grazie a parte dei diritti annuali delle imprese. Inoltre il presidente Messina ha preso l’impegno di trasferire alla costituendo Camera di Commercio i finanziamenti dedicati alla formazione universitaria agrigentina.

2 commenti su “La Camera di Commercio di Agrigento conferma i fondi al Cupa

I commenti sono chiusi.