La nave Alan Kurdi fa rotta su Malta.

La nave della ong tedesca, fa rotta su Malta per chiedere un porto sicuro, “protezione dalle intemperie, acqua potabile e possibilmente cibo”. Alla Alan Kurdi l’Italia non ha concesso di approdare a Lampedusa. Lo fa sapere la stessa ong ribadendo che i bambini e le loro madri ieri non hanno accettato di sbarcare per non essere separati dai padri e attaccando il ministro Salvini: «non ha umiliato solo i naufraghi-dicono- ma sfrutta tutto e tutti per ottenere il massimo vantaggio possibile da questa situazione». La ong accusa l’Italia “di non aver rispettato gli obblighi di protezione delle famiglie per strumentalizzazione politica. Non c’era alcuna ragione obiettiva per insistere sulla separazione delle famiglie. Era presumibilmente l’intenzione dei decisori politici portare l’equipaggio dell’Alan Kurdi a un dilemma morale”. Dal canto suo il vicepremier su Facebook ha scritto: “Dietrofront, nave Ong diretta a Malta. Molto bene, in Italia non si passa. Porti chiusi”.La Procura di Agrigento, che proprio nei giorni scorsi ha interrogato il capo missione di Ong Mediterranea, Luca Casarini, nell’ambito dell’indagine sul caso della Mare Jonio, stava seguendo la vicenda ma non ha ritenuto che vi fossero, allo stato, elementi per aprire un’indagine.