fbpx

Un ufficiale della Marina Militare, di 24 anni, è morta all’improvviso la notte scorsa alla Spezia, probabilmente a causa di un’emorragia interna. Il malore l’ha colta mentre parlava al telefono con il fidanzato. La donna, Angela Seminerio, di Agrigento, aveva studiato all’Accademia di Livorno, dove aveva superato il corso con risultati brillanti. Imbarcata sul cacciatorpediniere lanciamissili “Caio Duilio” era da qualche mese alla Spezia. Secondo quanto ricostruito, la giovane ieri sera attorno alle 20 era al telefonino con il fidanzato, anch’egli militare, in servizio a Roma, quando si è sentita male. Questi ha chiesto aiuto ai colleghi della fidanzata, altri ufficiali della Marina Militare. Ma non conosceva bene l’indirizzo dell’appartamento, in cui la giovane si era trasferita da poco: purtroppo le operazioni di ricerca non sono state rapide. È stata rintracciata infine dagli amici la padrona di casa, che ha acconsentito a forzare la porta: il “118″ è stato chiamato solo allora. Il medico è intervenuto alle 23. La ragazza era esamine, aveva segni vistosi di perdita di sangue anche dalle orecchie. I tentativi di rianimarla e di salvarla sono stati inutili. Angela è morta poco dopo. La salma è stata composta all’obitorio spezzino, a disposizione dell’autorità giudiziaria, per l’accertamento autoptico che dovrà chiarire cosa abbia scatenato l’emorragia. I familiari sono stati avvisati e si sono messi in viaggio alla volta della Spezia.