Lampedusa, denunciato tunisino.

Non c’è pace per Lampedusa. Sulla più grande delle Pelagie continuano i furti e aumenta la paura. Neanche un mese fa 4 i migranti , ospiti dell’hot spot,   arrestati  a Lampedusa dai carabinieri con l’accusa di aver scassinato alcune abitazioni. La scorsa settimana un un giovane tunisino è stato arrestato per “Tentato furto in abitazione”. 
Nelle ultime ore, i Carabinieri hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria, per furto con strappo, un altro tunisino ospite del locale Hot Spot. In particolare, si è accertato che il giovane ieri sera era entrato in una profumeria di via Ruggero Settimo ed aveva chiesto alla proprietaria di farsi mostrare dei profumi.
All’improvviso, mentre la donna descriveva le caratteristiche dei prodotti, il 21 enne magrebino, con uno scatto fulmineo, è riuscito a strappare dalla mano della titolare una confezione di profumo del valore di circa 50 euro ed è subito scappato a piedi lungo le vie limitrofe. La donna non si è persa d’animo ed ha subito chiamato i Carabinieri, avvisandoli dell’accaduto. Una pattuglia che era già in circuito ha subito avviato le ricerche del malfattore. E così, lungo il percorso che conduce al locale Hot Spot, i militari dell’Arma hanno individuato un giovane tunisino che camminava frettolosamente. Nel corso della immediata perquisizione, dalle tasche del suo giubbotto è saltata fuori la confezione di profumo asportata poco prima.