fbpx

L’isola di Lampedusa non riesce proprio a svuotarsi. Complice il bel tempo sull’isola sono ripresi gli sbarchi di migranti. Quattro barconi partiti dalla Libia sono stati avvistati nella tarda mattinata di oggi, dalle motovedette della Guardia costiera e della Guardia di Finanza. Le prime due carrette del mare, sono approdate poco dopo le 13 al porto dell’isola, le altre due nel primo pomeriggio. Nella prima imbarcazione 150 immigrati nella seconda circa 300 persone. A bordo delle altre due circa 400 profughi. Intanto è ritornata la calma all’interno del centro di accoglienza, dopo le proteste e i tafferugli, scoppiati nel tardo pomeriggio di ieri. Un militare della Guardia di Finanza raggiunto da una pietra scagliata da un ospite della struttura, ha riportato una ferita al setto nasale. L’autore, un cittadino tunisino è stato subito individuato e arrestato dalla polizia. Durante i tafferugli sono rimasti contusi anche un dirigente della Polizia di Stato e altri agenti. Sono stati accompagnati al poliambulatorio dell’isola per essere medicati. Feriti lievemente anche alcuni migranti. A scatenare la protesta sono stati i tunisini, circa 200 in tutto, che da due settimane sono ospiti del Centro di accoglienza in attesa di essere rimpatriati.