fbpx

Sono stati portati tutti in salvo i 500 profughi, soccorsi questo pomeriggio dai mezzi navali della Guardia costiera e dalla Guardia di finanza, ad una ventina di miglia da Lampedusa. Partiti dalle coste libiche il barcone su cui viaggiavano è andato in avaria, mentre a bordo si è sviluppato un principio d’incendio. I profughi sono stati tutti trasbordati su sei motovedette e trasportati fino al porto di Lampedusa. Momenti di tensione su una motovedetta della Guardia di finanza a causa di uno dei migranti che ha accusato una forte crisi epilettica, durata diversi minuti. L’uomo sulla motovedetta ‘Puleo’ delle Fiamme gialle, al suo arrivo al porto è stato trasferito al poliambulatorio dell’isola. Tra i profughi sbarcati diverse donne e bambini, ma per la prima volta anche alcuni anziani. Due, invece, le donne al nono mese di gravidanza, entrambe nigeriane, che dopo il parto saranno accompagnate in elisoccorso all’ospedale Cervello di Palermo. I neonati per fortuna stanno bene. La notte scorsa era giunto sulla costa lampedusana un barcone con a bordo 208 persone, tra cui 23 donne e tre bambini. I profughi sono stati alloggiati al Centro di accoglienza, dove ci sono altri 285 migranti, quasi tutti tunisini.