Largo agli incivili, discariche abusive deturpano la città di Agrigento.


E’ proprio vero che l’inciviltà di alcuni penalizza l’intera collettività, così avviene nella città di Agrigento dove dall’avvio della raccolta differenziata dei rifiuti, i tanti presunti evasori della  TARI, trovandosi alle strette dovendo scegliere tra la strada dell’autodenuncia per mettersi in regola con il tributo oppure quella di continuare ad eludere la tassa liberandosi in qualche modo della propria spazzatura, hanno scelto la strada probabilmente più vantaggiosa, ovvero quella di non pagare e arrangiarsi, il tutto ovviamente a discapito degli onesti cittadini che in alcune zone urbane, devono convivere con i cumuli di immondizia depositata dagli evasori nelle aree un tempo occupate dai vecchi cassonetti. Questo è ad esempio il caso di via Toniolo, l’arteria limitrofa allo stadio Esseneto, dove nei luoghi che un tempo erano serviti dai cassonetti, oggi figurano delle vere e proprie mini discariche, Cumuli di spazzatura che ogni tanto vengono rimossi ma che subito dopo si alimentano nuovamente. Per scoprire i furbetti del sacchetto, oltre alle telecamere, forse basterebbe anche che i responsabili del servizio si facessero un giro per i condomini, un riscontro oggettivo potrebbe essere ad esempio la comparazione tra il numero dei condomini e il numero delle pattumiere domestiche che dovrebbe coincidere.  Poco più sotto della via Toniolo, in via Petrarca, gli incivili si sono spinti anche fin dentro l’area demaniale, abbandonando i rifiuti in quel boschetto che tutto dovrebbe essere tranne una discarica.  La situazione igienico sanitaria della città di Agrigento, fermi restando così le cose, con l’arrivo della bella stagione potrebbe essere seriamente compromessa da questi gesti che probabilmente qualificano gli stessi autori ma non certamente  tutta la città.