fbpx

Era prevista in soli dieci mesi l'ultimazione della prima fase di lavoro del nuovo terminal di autobus di piazzale Rosselli, e in un solo anno quella dell'intera autostazione, eppure, dalla prima volta in cui si è parlato dei lavori in questione, quell'anno è già abbondantemente trascorso. E oggi, a chi passa, a piedi o con la propria autovettura, dalla zona, sembra addirittura essere tutto fermo. Il progetto di realizzazione, che ha in previsione 12 posteggi per i pulmann, su di uno spazio pavimentato con un materiale antiscivolo, ricoperto da una grande struttura in metallo, il tutto corredato da diverse panchine che saranno ubicate al confine con la strada che costeggia il piazzale, sta avendo dunque notevoli ritardi. Ce lo conferma al telefono, l'Assessore comunale ai lavori pubblici Renato Buscaglia, che ci parla di una sopravvenuta serie di problemi, che volgerebbero però a soluzione.“L'Amministrazione comunale ha sollecitato più volte i lavori del piazzale, – ci dice, – ma c'erano dei contenziosi, comunque già risolti, tra la direzione dei lavori e la ditta che se ne occupa; è stata predisposta addirittura, – continua Buscaglia, – una perizia migliorativa”. Pertanto, alla luce di quanto dichiaratoci dall'Assessore al ramo, gli agrigentini, potranno avere il loro terminal nuovo di zecca tra un paio di mesi al massimo. “I lavori sono fermi solo apparentemente, – aggiunge Renato Buscaglia,- la ditta sta ultimando, in locali appositi, lontani dal cantiere di piazzale rosselli, la struttura metallica, che farà da base alla pavimentazione, il cui materiale è già disponibile”. Al completamento del nostro nuovo parcheggio degli autobus, mancherebbero, appunto, solo l'adeguata pavimentazione antiscivolo e il relativo montaggio.Certo è che il cuore della Città di Agrigento cambierebbe davvero volto con l'ultimazione della stazione degli autobus, che oltre a eliminare i disagi lamentati da automobilisti, e utenti delle compagnie di autobus, riqualificherebbe tutta la zona di piazza Fratelli Rosselli, che attende di salutare anche il termine dell'altro importante progetto che lo interessa, quello del vicinissimo pluripiano.