fbpx

Blitz dei funzionari dell’Ispettorato provinciale del lavoro in un’impresa che si occupa di realizzare, porte, infissi e materiale di falegnameria alla periferia di Licata. Sono stati trovati otto operai in nero tra i quali uno di nazionalità romena. Si tratta di uomini che prestavano manodopera all’impresa senza avere contributi pensionistici versati e nemmeno la copertura assicurativa così come prevede la legge. L’attività dell’impresa è stata sospesa sino a quando non si provvederà a regolarizzare tutti gli operai e sono state elevate sanzioni amministrative ai titolari per una cifra che supera i 50 mila euro.