fbpx

Giuseppe Graziano Bianco, 33 anni, militare della Guardia di finanza, in servizio presso il nucleo di Polizia giudiziaria della Procura di Gela, e’ stato condannato dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento Alberto Davico, a tre anni di reclusione al termine del processo celebrato con il rito abbreviato. Il finanziere e’ stato riconosciuto colpevole di concussione. Avrebbe infatti chiesto (e in parte ottenuto) denaro ad un imprenditore in cambio di intervento illecito per insabbiare alcuni atti di un procedimento penale pendente in fase di indagini preliminari alla Procura di Gela, nel quale lo stesso imprenditore era indagato insieme a diversi suoi familiari. Bianco e’ stato anche interdetto dai pubblici uffici mentre il giudice ha anche disposto la trasmissione di alcuni verbali in Procura per valutare il reato di calunnia. Il Gup ha anche ordinato la confisca di un Rolex e di altri beni sequestrati. Il Pubblico ministero Salvatore Vella aveva chiesto la condanna a 3 anni e 4 mesi.