fbpx

Con grossa sorpresa di tutti da una possibile chiusura, all’occupazione degli uffici del Comune di Licata, da parte di una decina di famiglie indigenti, che per protestare contro il mancato arrivo dei sussidi hanno occupato la stanza del Sindaco Angelo Graci. Confermato che il Municipio non chiuderà, dopo l’ispezione dei funzionari dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento, che hanno riscontrato carenze igienico-sanitarie nei due bagni dell’edificio. La decisione arriva dal Sindaco, Angelo Graci, che ha assicurato la fruizione di almeno uno dei servizi igienici. Un problema però che sembra risolto in parte, visto che per gli oltre cento impiegati e l’utenza, da oggi per andare in bagno toccherà fare la fila. Questo in attesa dell’avvio dei lavori per rendere le toilette comunali a norma. Da questa mattina per evitare un notevole afflusso di persone all’interno del Palazzo di Città, alcune attività istituzionali sono state spostate nell’ex convento del Carmine a due passi del Municipio, a partire dall’elezione del baby sindaco.