fbpx

Una donna rumena di 20 anni, dopo avere dato alla luce un bimbo l’ha affidato alle cure dei medici e del personale dell’ospedale San Giacomo D’Altopasso di Licata. La giovane non ha voluto riconoscere il neonato perchè, secondo quanto avrebbe riferito ai medici, non può permettersi di sfamarlo e farlo crescere adeguatamente. Sulla vicenda, confermata dalle autorità sanitarie, viene mantenuto uno stretto riserbo. I medici hanno tentato di far cambiare idea alla donna ma lei è stata determinata nella sua decisione. Su disposizione del magistrato, il neonato è stato dato in custodia e presto saranno avviate le pratiche per l’affidamento. Nelle intenzioni della ragazza, che dopo aver partorito il bambino non ha voluto riconoscerlo, infatti, c’è la speranza che il piccolo possa trovare una famiglia in grado di poterlo sostentare e farlo crescere. Lei non poteva permettersi di mantenerlo, comprando il latte e quanto necessita per crescere la creatura.