fbpx

. Una situazione che va avanti da circa venti mesi. Cadute a vuoto tutte le richieste avanzate al Governo nazionale, alla Regione e al Comune di Lampedusa per la costruzione di un rifornimento di benzina. Questa mattina la popolazione esasperata, ha portato come protesta i propri automezzi, alcuni anche a spinta perché manca il carburante, davanti il Comune. Alcuni manifestanti hanno occupato l’edificio comunale.  Allo sciopero aderiscono le donne e i bambini, chiusi gli esercizi commerciali. Portavoce della protesta il consigliere comunale dell’opposizione Gerando Errera, che ha spiegato come in segno di protesta saranno bloccate tutte le attività per dare un segnale forte fino a quando non ci sarà un intervento risolutivo. In assenza di risposte i cittadini di Linosa si sono detti pronti ad andare in massa a Lampedusa ed occupare la sede Comunale.