Lo sfregio alla stele di Rosario Livatino, individuate tracce organiche

Tracce organiche sarebbero state individuate sul pezzo della stele dedicata al giudice Rosario Livatino che venne danneggiata lo scorso 18 luglio. Lo riporta oggi il quotidiano La Sicilia. Le tracce sarebbero riconducibili, secondo quanto emerge al momento, alla persona che “armata” di un oggetto di grandi dimensioni si è scagliata contro la stele collocata in memoria del “giudice ragazzino”. Lo sfregio è rimasto , per non dimenticare, ma la lapide è tornata al suo posto. L’inchiesta, coordinata dal sostituto procuratore Salvatore Vella, è naturalmente appena all’inizio. Attraverso queste tracce si dovrebbe riuscire a risalire all’autore del terribile raid vandalico.