L’ultimo saluto a Sofia Tedesco.

Il volo di palloncini bianchi scandito da un lungo e commosso applauso ha salutato il passaggio del feretro di Sofia Tedesco la studentessa agrigentina di 16 anni uccisa da un pirata della strada. Bianca era la bara, i fiori e bianchi erano anche i capi indossati da buona parte dei presenti che hanno assistito alle esequie celebrate nella parrocchia San Gregorio di Cannatello. Per volontà di papà Lillo e di mamma Anna, straziati dal dolore, dicevamo che in molti si sono presentati con addosso qualcosa di bianco, i compagni di scuola, gli amici, i colleghi dei corsi di ballo. Il bianco dunque simbolo della purezza ma anche il colore della Pasqua di resurrezione, così come ricordato nell’omelia da don Nino Gulli che ha officiato la funzione. In riferimento al tragico incidente dello scorso 8 agosto poi e nello specifico sull’omissione di soccorso del conducente della Fiat Punto che ha travolto lo scooter su cui viaggiava Sofia, il parroco ha aggiunto:”Qualcuno potrebbe gridare Dio dove sei? Sarebbe umanamente comprensibile. In un post su Facebook qualcuno ha scritto che quando un giovane perde la vita in un incidente Dio è morto. No, Dio muore- ha detto don Nino – quando non ci si comporta da buoni cittadini, quando non si vive da buon cristiano, quando sei codardo, quando investi qualcuno e scappi”.
Troppo piccola la chiesa per contenere i presenti e in molti hanno seguito la funzione dal sagrato. Il silenzio, interrotto solo dai pianti, ha contraddistinto l’estremo saluto della città di Agrigento, con in testa il sindaco Calogero Firetto, alla sua figlia scomparsa troppo presto.
Ad accompagnare Sofia nell’ultimo viaggio anche le note della sua canzone preferita, il brano “E…” di Vasco Rossi.
Durante i funerali è stato più volte ricordato il nobile gesto dei genitori che assorti nel dolore per la perdita della figlia, hanno scelto di donare gli organi, offrendo così una speranza di vita ad altri. Atto di amore di cui è riconoscente anche la sezione provinciale AIDO che ha donato una targa di ringraziamento ai genitori.