fbpx
Carnevale 2020 mattina

A Sciacca non si riesce ancora a credere a quello che è successo, a quella tragedia avvenuta venerdì sera cadendo da un carro allegorico nel corso del primo giorno di sfilata del corteo mascherato del carnevale, Salvatore Sclafani, di soli 4 anni, è morto.

Il sostituto procuratore Roberta Griffo, che ha aperto un’inchiesta, ha autorizzato la restituzione della salma ai familiari e non farà effettuare l’autopsia, raggiunto il luogo della tragedia avvenuta, ha posto il sequestro del carro, e ha già sentito alcuni testimoni . I genitori del bimbo hanno affidato agli avvocati Mauro Tirnetta e Aldo Rossi l’assistenza legale. Intanto, la Questura ha annullato la manifestazione fino alla scadenza naturale, martedì prossimo.

Gli inquirenti hanno sentito i genitori della vittima, il guidatore del trattore che trainava il carro, gli amministratori dell’associazione Futuris cui quest’anno è stata affidata l’organizzazione della manifestazione.

La Procura deve valutare se siano stati rispettati i parametri di sicurezza e soprattutto di chi fosse la responsabilità nella gestione dell’incolumità della gente in una manifestazione che coinvolge migliaia di persone ogni anno. Il piccolo Salvatore era giunto nell’area di emergenza dell’ospedale in condizioni disperate.

Poco prima, durante una sosta della sfilata, in via Incisa, il padre lo aveva fatto salire sul carro “Volere volare” dell’associazione “E ora li femmi tu” per scattargli delle foto ricordo con gli enormi pupi di cartapesta, che raffiguravano una riproduzione allegorica degli stilisti Dolce e Gabbana.

Ma forse a causa del movimento del trattore che trainava il carro il piccolo ha perso l’equilibrio, finendo a terra e battendo la testa. Il sindaco di Sciacca, Francesca Valenti, ha proclamato il lutto cittadino per oggi, nel giorno dei funerali del piccolo Salvatore.

Una tragedia che ha destato grande commozione in tutta la comunità saccense che si è subito stretta attorno alla famiglia del bambino. Il sindaco Valenti ha disposto l’esposizione delle bandiere a mezz’asta nel Palazzo Municipale invitando gli altri uffici pubblici a fare lo stesso.