fbpx

Presentati, al Tribunale della Libertà di Palermo,  i ricorsi contro l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip nei confronti di 4 persone coinvolte nell’inchiesta antimafia “Kamarat”, coordinata dalla Dda del capoluogo dell’isola. Gli indagati sottoposti i misure restrittive sono Angelo Longo,  47 anni e Mariano Gentile, 58 anni, entrambi di Cammarata, Giovanni Calogero Scozzaro, 53 anni, di Casteltemini. I tre sono detenuti al carcere Pagliarelli di Palermo. Agli arresti domiciliari si trova Giovanni Vincenzo Scavetto, 71 anni, di Casteltermini. Le accuse: associazione mafiosa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, e per uno degli indagati anche sequestro di persona.
L’operazione “Kamarat” ha permesso di  smantellare le famiglie mafiose di Cammarata, Casteltermini e Castronovo di Sicilia.